Impariamo a usare Twitter per scrivere e studiare

46 Flares Facebook 21 LinkedIn 1 Twitter 15 Google+ 9 46 Flares ×

Gli esami di maturità sono finiti e i nostri studenti possono finalmente pensare al riposo e alle vacanze.

Sì perché il 99% di loro si è diplomato con successo, anche con nostra grande soddisfazione!
È stato un anno impegnativo ma ce l’hanno fatta: il grande traguardo della maturità è raggiunto!

Ma questo non vuol dire che dobbiamo smettere di imparare!

Lo diceva Konrad Lorenz.

Ed allora perché non approfittare delle vacanze per imparare ad usare Twitter?
Puoi usare Twitter per condividere la nostra gioia per il diploma, per rimanere in contatto con i nostri amici durante le vacanze, per rimanere aggiornati, per divertirci e per migliorare costantemente la nostra scrittura!

Twitter infatti è un social network, definito più propriamente come piattaforma di “micro blogging” che si rivela perfetto sia per condividere pensieri che per stimolare la tua espressività letteraria. In che modo, ti starai chiedendo?

Impariamo ad usare Twitter, il social network dei 140 caratteri

Twitter è un social network gratuito creato nel 2006 dall’imprenditore statunitense Jack Dorsey, che conta nel 2015 all’incirca 240 milioni di utenti attivi mensili nel mondo.

Una volta scelto un nome utente (che sarà sempre preceduto dal simbolo @) e creato un account, potrai individuare le persone che intendi seguire (following) e coloro che vorranno restare in contatto con te potranno diventare tuoi “seguaci” (follower) e leggere le tue condivisioni.
Twitter ti presenta infatti una lista di aggiornamenti (testuali, immagini e video) condivisi dai tuoi contatti, una specie di report in tempo reale che ti consente di scoprire in pochi istanti cosa c’è di nuovo sotto il sole per quanto riguarda coloro che conosci.
La particolarità che ha reso famoso questo social media è che, a differenza ad esempio di Facebook e di Google+, consente a chiunque di condividere soltanto messaggi testuali (detti tweet, cinguettii) lunghi al massimo 140 caratteri.

Pochi caratteri stimolano la tua creatività!
Ti starai chiedendo: ma un social network che ti costringe a scrivere messaggi lunghi non oltre 140 caratteri non è un po’ come un auto che ti permette di guidare solo intorno a casa tua? Quando mai riesci a raccontare con dovizia di particolari ciò che ti accade in due righe scarse di testo?
Vedi, quella che può sembrare una limitazione ingiustificata dello strumento in realtà è la qualità che lo contraddistingue e che ne ha decretato il successo per così tanti anni. Ecco alcuni motivi per cui Twitter, con il suo formato di messaggistica ridotto, è in realtà uno strumento molto utile per migliorare le capacità espressive.

1) Twitter è facile da usare
Il successo di uno strumento quasi sempre è dato anche dalla facilità del suo utilizzo: il social network dei cinguettii si classifica come uno degli strumenti di condivisione più semplici di sempre: scrivi il messaggio, inserisci se vuoi un link e/o un’immagine, e invii.

2) Twitter ti permette di aggiornare i tuoi follower senza perdere tempo
Twitter, con poco più di un centinaio di caratteri a tua disposizione, ti consente di aggiornare i tuoi contatti con una manciata di parole, permettendoti di concentrarti sul contenuto del messaggio e di non dilungarti inutilmente con testo superfluo.

3) Twitter è lo strumento preferito dalle celebrità per contattare i propri fan
Messaggi concisi e senza fronzoli sono perfetti per veicolare novità di rilievo a un pubblico che si distrae facilmente. Cantanti, attori, giornalisti, opinionisti, personalità politiche fanno frequentemente uso della piattaforma dei micro messaggi per comunicare ai sostenitori e agli interessati le novità sulle proprie attività o sulla loro vita privata: per farti un’idea della vastità di utenti della piattaforma, considera che Justin Bieber vanta almeno 65 milioni di follower, ma anche le celebrità nostrane non se la passano male.

4) Twitter ti permette di raccogliere informazioni in tempo reale su un certo tema
Ti chiederai: ma se c’è così tanta gente su Twitter, come rintracciare i tweet che possono interessarti tra milioni di altri?
L’introduzione dell’hashtag si è rivelata una mossa geniale per individuare in un istante tutti i principali tweet relativi a un certo argomento: basta digitare nell’apposito motore di ricerca un termine inerente i tuoi interessi preceduto dal segno #, ed ecco aprirsi una marea di aggiornamenti in tempo reale contenenti quella parola, tra i quali potrai individuare inoltre nuovi influencer con cui restare in contatto!

Twitter come maestro di sintesi: impara a scrivere da @Iddio!

Forse, se non hai mai utilizzato il social network dei cinguettii potresti avere bisogno di qualche lezione: perché non chiedere lumi direttamente a @Iddio? 

Stiamo parlando ovviamente del fantastico twitterer @lddio che intrattiene oltre 300.000 follower con argomentazioni e freddure un po’ serie e un po’ surreali e che aiuta ad affrontare con il sorriso molti dei nostri dilemmi quotidiani.

L’”Onnipotente” di Twitter sa come funziona il gioco dei social, e ha accettato di mettere la sua celestiale esperienza al servizio di tanti giovani a cui può fare comodo qualche dritta sulla scrittura breve.

Il progetto #studiaredadio punta a sfruttare pienamente le potenzialità del social dei 140 caratteri per sviluppare le doti espositive non solo dei giovani studenti in vista dell’esame di Stato, ma in generale di chi vuole imparare a scrivere: la tecnologia non uccide la scrittura, la rende più immediata e facilmente condivisibile, e l’economia di spazio scritto alimenta l’espressività e la capacità di sintesi!

Lo afferma anche Luisa Carrada che nel suo libro “Scrivo, dunque studio” ci offre una fucina di esercizi e di spunti per allenare la scrittura proprio in vista dell’esame di Stato e di prove simili, e ci insegna l’importanza di una scrittura improntata su naturevolezza e conversevolezza per dare forma a un testo davvero fruibile e intrigante.

E tu? Cosa aspetti a raccontarci che cosa ne pensi?
Narraci le tue esperienze di scrittura creativa su Twitter commentando questo articolo oppure sulle nostre pagine social: esercitiamoci insieme e impariamo a scrivere… da @lddio!