Scrittori su Twitter per leggere e scrivere in real time divertendosi

1 Flares Facebook 0 LinkedIn 1 Twitter 0 Google+ 0 1 Flares ×

Noi di Istituto Leonardi siamo convinti che i social network possano essere un valido aiuto per lo studio se utilizzati con l’intento di condividere informazioni a supporto dell’apprendimento, che possano costituire degli ottimi strumenti sia per accrescere la passione per le materie scolastiche che per entrare in contatto con altre persone che provano il nostro stesso apprezzamento per le storie che hanno appassionato migliaia di lettori.

I social media, grazie alla propria intuitività d’uso, immediatezza e diffusione globale, sono strumenti alla portata di tutti, ottimi per condividere opinioni sugli argomenti che più ci intrigano, come eventi politici, serie TV e talk show.

Oltre che per l’intrattenimento fine a se stesso, crediamo che Twitter sia utile per scrivere e per studiare: il vincolo dei 140 caratteri stimola la capacità di sintetizzare pensieri in poche parole rendendoli più incisivi e diretti, di scambiare con i propri sostenitori in maniera immediata informazioni sulle proprie attività, di restare aggiornati sul mondo che ci circonda in breve tempo, capacità ideale in rapporto dei ritmi frenetici imposti dalla vita moderna.

Perché non unire l’amore per la letteratura a l’immediatezza di Twitter, la capacità di condividere il tuo apprezzamento per i libri che ti hanno segnato con la possibilità di porre domande direttamente all’autore dei tuoi testi preferiti?

Con il progetto #studiaredadio avevamo già promosso un incontro tra gli studenti e il “divino” di Twitter con 300mila follower per incoraggiare uno scambio proattivo di pensieri sul mondo dello studio e sulle difficoltà quotidiane dei giovani.

Ora vogliamo andare oltre e ti proponiamo di impiegare Twitter per commentare attivamente libri in real time, scambiando anche opinioni e domande con gli autori dei testi che più ti affascinano.

Scrittori su Twitter

Oltre a essere un modo rapido e intuitivo per entrare in contatto con altre persone che apprezzano i tuoi stessi libri, è un’opportunità entusiasmante per conoscere gustosi retroscena e interessanti aggiornamenti dai tuoi scrittori preferiti in persona.

Vuoi cominciare fin da ora a ritwittare qualche autore letterario ma non sai da chi iniziare? Se hai bisogno di qualche spunto puoi partire dagli scrittori che abbiamo già proposto su Twitter, Michele Laurenzana e Annarita Briganti, i cui lavori ci sembrano toccanti e meritevoli di menzione.

Ci sono tantissimi scrittori su Twitter, nomi più e meno celebri della scrittura italiana, che possono certamente interessare la moltitudine di studenti che utilizza Twitter: da Alessandro D’Avenia – docente, scrittore e sceneggiatore – a Luca Martina – autore del fantasy “La lama delle lacrime”.

Con Twitter puoi venire in contatto di autori e generi con cui magari non avevi fino ad ora dimestichezza, scegliere originali letture estive con le quali intrattenerti nel periodo delle vacanze (per ricaricarti degnamente in vista della ripresa degli studi a settembre), cogliere curiosi aneddoti e retroscena legati ai libri di successo, e magari impratichirti a tua volta nel condividere brevi narrazioni realizzate di tuo pugno, per ricevere opinioni e apprezzamenti da altri lettori.

Twitter è un eccellente strumento per cimentarsi nella narrativa sintetica – talento che può tornarti utile anche nell’elaborazione di temi scolastici, per evitare di perdere tempo prezioso in esposizioni troppo lunghe rispetto a quanto richiesto – e oltre agli autori già citati puoi prendere spunti di creatività nella scrittura breve dalle pillole di @microracconti oppure (se preferisci qualcosa in lingua inglese) da @thefrenchrev, il quale diffonde con i tweet informazioni sul suo romanzo d’esordio, The French Revolution.

Cosa ne pensi dell’uso della piattaforma di microblogging a fini culturali? Ti sembra uno strumento ideale per promuovere la lettura oppure preferisci fare riferimento ad altri social network?
La tua opinione è molto importante per noi, commenta questo articolo o le tue pagine social per raccontarci il tuo punto di vista!