Ripetizioni (anche online) in aumento per la maturità

0 Flares Facebook 0 LinkedIn 0 Twitter 0 Google+ 0 0 Flares ×

Circa un 25% dei maturandi si affiderà a ripetizioni extra, anche online, per preparare al meglio le prove finali dell’esame di maturità 2019.

Gli esami di maturità 2019 ormai sono iniziati. Circa il 96% degli studenti è stato ammesso alle tre prove finali.

Tra questi, secondo un’indagine condotta da Skuola.net, un quarto del totale afferma di voler investire una somma tra i 100 e 500 euro per ripetizioni, esercitazioni integrative, supporti didattici.

Sicuramente ad innalzare i livelli di ansia da prestazione hanno contribuito in modo importante le novità introdotte per le prove finali.

Novità Maturità 2019

Quest’anno le novità sulla maturità 2019 introdotte dal MIUR per le tre prove finali suscitano molte preoccupazioni.

Ci saranno nuove tracce per la prima e la seconda prova scritta, mentre il classico esame orale, attraverso l’esposizione di una tesina concordata con i docenti, sarà rimpiazzato da una prova argomentativa a “busta chiusa”.

Proprio l’introduzione di queste novità ha destabilizzato le poche certezze dei ragazzi che durante l’anno hanno però potuto esercitarsi tramite simulazioni senza valutazione.

Il nodo principale però rimane sempre lo stesso. La maggior parte degli studenti esprime difficoltà nell’apprendimento delle materie scientifiche, con particolare riferimento a matematica e fisica, prove previste dalla seconda prova del liceo scientifico.

Il 35% dei maturandi 2019 prenderà lezioni private di matematica, mentre un 7% si dedicherà a fisica. Per le materie umanistiche il 13% prevede lezioni integrative per colmare alcune lacune legate ad una scarsa preparazione.

Ripetizioni private per esame maturità, quali le motivazioni

Sempre dall’indagine condotta su un campione di 1.100 studenti della quinta superiore, il 26% degli intervistati punta il dito contro la scuola tra le motivazioni per cui le ripetizioni private diventano una necessità.

Nello specifico, la scuola pubblica sarebbe responsabile delle lacune e incertezze dello studente, non riuscendo a preparalo in maniera adeguata alle prove finali.

C’è però un’altro 24% del campione intervistato che ammette la propria responsabilità sul grado di impreparazione, confermando lo scarso impegno durante l’anno.

L’ansia da prestazione spinge invece il 16% dei ragazzi a lezioni private, in modo da approfondire e perfezionare la propria preparazione, nell’ottica di migliorare il voto atteso, mentre il 7% prende lezioni perché spinto dai genitori.

Prendendo in esame, scusate il gioco di parole, un’altro dato rilevante possiamo comprendere come la scarsa preparazione scolastica sia una forte motivazione;

il 30% dei ragazzi afferma di aver dovuto comperare altri supporti didattici, come libri di testo, manuali e guide, poiché ritiene insufficiente il materiale suggerito dagli istituti scolastici.

Boom di corsi online per prepararsi alla maturità

I maturandi del nuovo millennio hanno un approccio diverso rispetto alle generazioni passate nei confronti della maturità. Il 14% intervistato dal sondaggio di Skuola.net ritiene fondamentale frequentare dei corsi specifici, soprattuto online, per prepararsi alla maturità 2019.

L’utilizzo quotidiano di strumenti tecnologici ha influenzato il modo di apprendere in mobilità degli studenti, soprattuto grazie alle nuove tecnologie legate all’mobile learning.

Infatti, molti degli intervistasti afferma di aver scaricato, in maniera gratuita o a pagamento, diverse applicazioni per smartphone in grado di dare un supporto al ripasso.

Per tutti coloro che avessero necessità di un corso di preparazione alle prove finali, o semplicemente per fare un ripasso con docenti altamente formati e preparati, il nostro centro studi mette a disposizione una piattaforma e-learning.