Prima prova di maturità: come scegliere la traccia giusta

1 Flares Facebook 0 LinkedIn 1 Twitter 0 Google+ 0 1 Flares ×

Stando a quanto abbiamo visto in occasione delle novità dell’esame di Stato 2017, il 21 giugno avrà inizio l’esame di maturità 2017, e un’adeguata preparazione in vista della fatidica data è sicuramente necessaria per portare a casa l’ambito diploma.

Istituto Leonardi ti suggerisce alcune considerazioni da fare per scegliere la traccia dell’esame di maturità più indicata per le tue preferenze e per prepararti in modo efficace alla redazione del testo di esame!

Le immancabili previsioni del tototema quest’anno annoverano tra le più rilevanti ricorrenze la firma del Trattato di Roma, il centenario dalla nascita di J.F. Kennedy, i cinquant’anni dalla morte di Che Guevara, i venticinque anni dalla morte del Giudice Giovanni Falcone, e sono trascorsi inoltre 190 anni dalla morte di Ugo Foscolo.

La scelta dell’argomento della prima prova può essere dettata da preferenze personali, e varia tra analisi del testo, saggio breve o articolo di giornale, tema storico o di attualità.

No panic: leggere con attenzione le tracce

Naturalmente, procedi a leggere con attenzione le tracce fornite per assicurarti di avere pienamente compreso il contenuto e quanto ti viene richiesto, in questo modo eviterai durante la prova di non essere pienamente in grado di rispondere al quesito e di perdere tempo prezioso nel ripensare eventualmente la tua scelta. Se può servirti a richiamare le idee con più efficienza, puoi anche sottolineare le parti salienti del testo e appuntarti i concetti che intendi richiamare nell’esposizione per evitare di trascurarli in un secondo momento.

Per evitare di subire crisi di panico e ripensamenti dell’ultimo minuto cerca di isolarti mentalmente dall’ambiente che può provocarti stress e immaginati alle prese di una delle solite simulazioni; una adeguata pianificazione sotto forma di schema realizzato nella fase di raccolta delle idee preliminari ti consentirà di riepilogare le informazioni da esporre ordinatamente senza perdere tempo per nulla durante la scrittura.

Analisi del testo

Ti consigliamo di scegliere la tipologia A – analisi del testo – se ti ritieni sufficientemente ferrato sulla storia e la personalità dell’autore per offrire agli esaminatori una panoramica completa su tutto ciò che rappresenta l’opera, sia a livello di contenuti che di messaggio.

Per analizzare un brano o una poesia occorre una certa conoscenza sia della prosa che dei contenuti veicolati e occorre pertanto portare alla luce i valori e le intenzioni dello scrittore, oltre a evidenziare le scelte stilistiche adottate. Non deve mancare inoltre una parte in cui commenti il testo, evidenziando all’occorrenza correlazioni con altri autori od opere del periodo.

Saggio breve o articolo

Il saggio breve o articolo della tipologia B presuppone un’ineccepibile padronanza delle formule di esposizione e della sintassi, ma ha dalla sua la possibilità di riguardare numerosi argomenti e perciò di incontrare il gradimento degli esaminandi. Il saggio prevede presuppone la capacità di analizzare con ordine e chiarezza gli argomenti esposti e quelli su cui si è chiamati a esprimersi, dividere il proprio elaborato in paragrafi per garantire una lettura chiara e intuitiva, e naturalmente evitare di produrre fastidiosi errori che possono contrariare gli esaminatori. Di certo non farà male nemmeno aggiungere conoscenze personali provenienti dal proprio background di studi per dimostrare di avere precedentemente approfondito il contesto in oggetto.

Tema storico

Il tema storico – prova C – offre la possibilità di esporsi in modo più libero ma richiede una considerevole conoscenza dell’epoca oggetto della prova: si rivela molto indicato per coloro che nutrono una sincera passione per la Storia e che sono in grado di memorizzare con relativa facilità date, luoghi e personaggi, oltre che a segnalare correlazioni e rapporti di causa ed effetto a partire da quelli suggeriti dalla traccia.

Tema di attualità

Il tema di attualità – tipologia D – è ideale per gli studenti molto attenti al mondo che li circonda e che seguono con attenzione i fatti di cronaca: esplorare questa tipologia di tema presuppone un’ottima capacità di interpretare la realtà e permette di stupire gli esaminatori grazie ad avanzate conclusioni.

E tu, cosa ne pensi? Hai delle considerazioni da fare sulla scelta della migliore traccia dell’esame di maturità? Commenta questo articolo oppure le nostre pagine social per raccontarci la tua opinione!