Mappe mentali e App per studiare più velocemente

15 Flares Facebook 10 LinkedIn 3 Twitter 1 Google+ 1 15 Flares ×

Ti sembra che il tempo per studiare ed approfondire tutte le materie non sia mai sufficiente? Abbiamo già parlato di come studiare velocemente, ma oggi vogliamo offrirti un metodo e degli strumenti per comprendere nel modo più efficace possibili le nozioni da conoscere in vista dell’esame (e ricordarle per sempre). Perché imparare a memoria non ti servirà a niente, il rischio è di dimenticare velocemente.
Ma come fare per racchiudere un grande numero di informazioni in una forma scorrevole e intuitiva? Istituto Leonardi ti offre qualche suggerimento per dare vita a delle mappe mentali in grado di rendere il tuo studio rapido ed efficace!

Che cosa sono le mappe mentali?

Le mappe mentali sono una finestra affacciata sulla tua mente e sui tuoi sensi: si tratta di forme grafiche composte da segni, parole e colori in grado di trasmettere informazioni in maniera creativa e personalizzata.
Questi strumenti concettuali vengono utilizzati per rendere vivace l’esposizione di argomenti complessi da apprendere (specie nel caso delle date storiche o delle nozioni geografiche), grazie a una disposizione personalizzata delle informazioni che incide in maniera profonda sulla memoria cognitiva per merito delle parti di impatto visivo.
Le mappe mentali si rivelano utili alleati soprattutto nella fase della prima memorizzazione e del ripasso, per dare un ordine mentale alle nozioni apprese in modo da richiamarle alla mente con più facilità.

Come posso costruire delle mappe mentali?

Per prima cosa, provvedi a individuare nei testi che devi riassumere le informazioni focali, i nuclei dei vari capitoli attorno ai quali vengono esposti i relativi concetti: evidenzia o sottolinea le parole chiave, le quali andranno a finire all’interno dei grafici che andrai a disegnare.
Puoi inserire cerchi, rombi, quadrati o qualsiasi altra forma ti risulti agevole per contenere piccoli blocchi di informazioni, che verranno collegati ai “perni” – gli argomenti centrali di ogni paragrafo – attraverso (se vuoi) dei rami colorati, che si dimostrano azzeccati per canalizzare l’attenzione dell’utilizzatore.
Puoi aggiungere simboli, frecce, disegnini per facilitare l’associazione delle immagini ai concetti, soprattutto se la tua memoria è principalmente di carattere visivo anziché testuale.

Quali software permettono di realizzare delle mappe mentali?

Le mappe mentali sono uno strumento di sostegno allo studio così diffuso e accettato che nel corso degli anni sono stati realizzati centinaia di software e applicazioni per generare modelli di schemi sempre più personalizzati.
Naturalmente niente ti vieta di generare i tuoi schemi semplicemente con penne o matite, ma avvalerti di appositi programmi ti offre vantaggi aggiuntivi come invitare altre persone a modificare le informazioni riportate – se studi assieme a qualcuno – oppure per creare copie dei modelli senza alcuno sforzo – per produrre differenti varianti e appurare quali di esse ti aiutano maggiormente a memorizzare.

Tra i software gratuiti per realizzare schemi per studiare possiamo citare:

  • Freemind, una applicazione semplice da usare indicata per organizzare grandi quantitativi di informazioni
  • Mind42: un tool alquanto intuitivo nell’uso che ti permette di caricare le tue mappe sul relativo sito, zoommare per aumentare la facilità di lettura, condividerle con altri studenti e commentare quelle già presenti in rete

Per quanto riguarda le app ti consigliamo:

  • Mental, una applicazione indicata per chi vuole semplicità e spazi bianchi nei propri schemi
  • SuperMappe, per creare su iPad schemi colorati ed efficientissimi per memorizzare
  • Mindnote, app (a pagamento) particolarmente utile per chi ha bisogno di condividere gli schemi con i propri compagni
  • MindMeister: disponibile su iPhone, iPad e Android, si rivela una strumentazione dalle avanzate funzionalità e in grado di tenere traccia dell’evoluzione dei nostri schemi nel tempo

E tu cosa ne pensi? Trovi che le mappe mentali siano un valido sostegno per il tuo studio? Utilizzi altri strumenti software per realizzare i tuoi schemi?
Condividi le tue esperienze commentando questo articolo o sulla nostra pagina social, la tua opinione è importante per noi!