Come studiare velocemente

13 Flares Facebook 2 LinkedIn 0 Twitter 3 Google+ 8 13 Flares ×

Lo studio, perché dia risultati soddisfacenti, deve essere fatto con attenzione, impegno e concentrazione. Non sarà necessario trascorrere intere giornate sui libri, ma studiare correttamente ottimizzando al meglio il proprio tempo per evitare di stancarsi e annoiarsi nel giro di breve tempo.

Esistono diversi sistemi che possono aiutare ad accelerare lo studio, sarà sufficiente adottarli per avere la sicurezza di memorizzare al meglio e in poco tempo il contenuto di qualsiasi genere di testo o di appunti.

Acquisire la capacità di leggere velocemente

Per avere la certezza di fare proprio il contenuto dei testi è fondamentale acquisire la capacità di leggerli rapidamente. Sarà necessario, inizialmente, leggere testi le cui pagine non siano troppo piene di parole e, successivamente in modo graduale, passare a pagine fitte di termini e concetti. Solo con un allenamento continuo e costante, si imparerà a velocizzare la lettura a tutto vantaggio dell’apprendimento.

Ricollegare e reintegrare

Un modo di ricordare prontamente consiste nel ricollegare un concetto con le sue circostanze accessorie, ad esempio rammentare un argomento che l’insegnante o l’amico ci ha ripetuto in una determinata situazione divertente o piacevole. Anche reintegrare, ovvero ricostruire un discorso partendo da qualcosa che ce lo fa ritornare alla mente, è utile per accelerare lo studio. Infatti, gli stimoli che derivano dalla reintegrazione fanno riaffiorare e memorizzare testi già letti o semplicemente sentiti.

Adottare tecniche di memorizzazione

Per ricordare facilmente nomi, date, numeri e concetti fondamentali si dovrà associarli ad immagini mentali allo scopo di attivare la memoria visiva. Per raggiungere questo fine saranno utili dei grafici riassuntivi ben schematizzati. Consigliabile redigerli con penne di diverso colore, prediligendo il rosso, il giallo ed il verde, colori in grado di stimolare il cervello, accelerare la memorizzazione e quindi lo studio. Un valido aiuto è rappresentato dalla sintetizzazione di ogni capitolo o paragrafo dei testi, tramite riassunti scritti o schemi di organizzazione.

Altrettanto utile per velocizzare lo studio è la registrazione dei riassunti con il fine di poterli riascoltare in ogni occasione durante la giornata. Questa tecnica non solo immagazzina tutte le informazioni velocemente nella memoria ma rafforza la loro ritenzione e la loro riattivazione. Riascoltare quanto registrato, soprattutto durante momenti di relax o mentre si svolge un’attività sportiva, velocizza lo studio e le informazioni ricevute rimangono impresse con facilità. 

Utilizzare la memoria immediata

Prima di iniziare a studiare si dovrà convincere o meglio ordinare al proprio cervello di entrate nell’ottica di essere nelle condizioni di ricordare e visualizzare il materiale scolastico da imparare. Fare leva sulla propria volontà e determinazione, stabilendo gli obiettivi che si vogliono raggiungere, durante la giornata, ovvero le pagine da leggere e quelle da memorizzare

Tattiche da applicare

Non va dimenticato che la memoria non è solo un insieme di elementi, alcuni dei quali si perdono nel tempo, ma un insieme di configurazioni di elementi, legati da regole, che determinano differenti gradi di organizzazione, da cui discende la loro conservazione. Tanto maggiore è l’ordine con cui si studia, tanto più adeguata sarà la rievocazione di quanto studiato. Pertanto si dovrà studiare in modo organizzativo mantenendo sempre attiva la mente per mettere in moto il processo di reminiscenza. Proprio per questo si dovranno adottare alcune tecniche:

– studiare in un luogo tranquillo e possibilmente silenzioso, uno spazio privo di distrazioni quali il Pc, la playstation, la televisione, la radio ed il cellulare;

– rifornirsi di buona dose di volontà e di concentrazione;

– pianificare gli orari che si vuole dedicare allo studio;

– fare una prima lettura del materiale scolastico ad alta voce soffermandosi a capire l’argomento;

– rileggere sottolineando e/o evidenziando i concetti basilari da ricordare;

– porre attenzione alle parti del testo scritti in grassetto o con colori diversi;

– ricorrere al dizionario per comprendere il significato di ogni eventuale termine sconosciuto ed annotarvi vicino la definizione e gli eventuali sinonimi;

– leggere più volte, preferibilmente ad alta voce, le parti più difficili e riassumerle in modo conciso usando termini meno complessi;

– l’uso di frequenti ripetizioni facilita sia l’immagazzinamento che il recupero delle informazione a tutto vantaggio della velocizzazione dello studio. Pertanto è consigliabile ripetere, ogni mezz’ora di studio, per almeno una decina di minuti i punti sostanziali da memorizzare;

– dopo lo studio quotidiano ed il meritato riposo, ripetere una volta, sempre a voce alta, prima di coricarsi quanto studiato nella giornata.