Come ripassare in vista dell’esame di maturità

Prepararsi alla maturità
16 Flares Facebook 11 LinkedIn 0 Twitter 1 Google+ 4 16 Flares ×

Esistono delle piccole e semplici linee guida che vanno dal metodo di studio, all’alimentazione, alla compagnia. Parliamo di ripasso perché lo studio dovrebbe essere già stato fatto durante l’anno. Vediamo insieme i passi principali per arrivare al giorno della maturità senza la paura di aver dimenticato qualche argomento o materia.

Alimentazione e metodo di studio

Come abbiamo già detto precedentemente l’alimentazione è importante, quindi meglio stare leggeri, ma è importante anche rispettare le ore di sonno. È sconsigliato andare a letto tardi. Svegliamoci presto: studiare di prima mattina e a mente fresca è sempre meglio.

Il metodo di studio e ripasso è fondamentale, come diciamo sempre: organizzare uno schema o una mappa ottimizzando i tempi, anche quelli del riposo e dello svago, ci permette di studiare in modo più rilassato e senza ansia.

Dalla prima alla terza prova

Per la prima prova si consiglia uno studio approfondito solo se vogliamo fare l’analisi del testo, dato che per il saggio breve o l’articolo di giornale i documenti saranno all’interno della traccia.

Schemi e riassunti sono consigliati per le altre prove, ed è bene ripassarli contemporaneamente. Fra la seconda e la terza prova è bene fare una mezza giornata di riposo, giusto per rilassare la mente.

E la tesina?

Abbiamo già parlato approfonditamente di come si prepara una tesina. Anche qui è consigliato ripassare con una mappa o uno schema. Approfondiamo bene le materie dei professori che faranno parte della Commisione d’esame (le domande che ci faranno saranno sulle loro materie). Quando facciamo la prova consideriamo che in venti minuti dovremmo esporla e aver toccato tutte le materie.

Ognuno ha il suo metodo di studio, da solo o in compagnia. Se preferiamo farlo con gli amici però è consigliato il detto “pochi ma buoni”, il gruppo di studio sarà più motivato. Abbiamo paura di fare una brutta figura durante l’esposizione orale? Tranquilli, ne parleremo successivamente.