5 consigli per migliorare il tuo metodo di studio

26 Flares Facebook 21 LinkedIn 0 Twitter 2 Google+ 3 26 Flares ×

L’esame di maturità è una scadenza che ti toglie il sonno? Ansia e dubbi minano la tua autostima e rischiano di rallentare la tua preparazione, ma sapevi che esistono dei facili accorgimenti in grado di migliorare il tuo rendimento?
Istituto Leonardi ti consiglia cinque trucchi per migliorare la tua preparazione agli esami!

1) Parlare, parlare e parlare: l’esame orale non ti farà più paura!
Ogni volta che ti convocano davanti alla cattedra dei professori ti senti sotto pressione neanche fossi l’imputato del processo del secolo?
E’ normale: inconsciamente, tutti coloro che sostengono un esame orale rivivono in una qualche forma l’ansia provata anni prima durante le proverbiali interrogazioni delle maestre alle elementari.
Non limitarti a leggere e a ripetere ciò che apprendi dai libri, mettiti alla prova esponendo a voce alta quanto stai studiando davanti allo specchio, o meglio ancora di fronte a un amico incaricato di porti domande su domande: niente di meglio di un bel po’ di esercizio di fronte a un severo “inquisitore”, per prepararti psicologicamente al clima di interrogazione!

2) Ascolta te stesso, e capirai dove sbagli!
Non tutti possono vantare un amico disponibile ad ascoltarli mentre si esercitano in vista degli esami, e quindi?
Una soluzione facile ed economica per capire quali aspetti devi migliorare nella tua esposizione consiste nel munirti di un registratore con cui memorizzare tutte le tue prove a voce e riascoltarle in cerca di errori e imprecisioni.
Può sembrare una soluzione un po’ sacrificata, ma stai pur certo che, più prove farai, più margini di miglioramento ti saranno chiari, e in breve tempo diventerai sufficientemente sicuro e abile nell’esposizione orale anche degli argomenti più ostici.

3) Organizza il tuo modo di rispondere
Apprendere il contenuto dei libri da studiare non comporta automaticamente essere in grado di saperlo esporre: se non sei capace di rispondere alle domande dell’esame con ordine e completezza darai l’impressione di avere studiato in maniera imparziale.
Cosa puoi fare per incrementare la tua abilità d’esposizione?
A partire dai concetti più importanti che andrai a sottolineare dei periodi sui libri puoi ricavare “schemi di informazioni” per organizzare le tue linee espositive: seguendo questi modelli ricaverai l’impostazione ordinata delle risposte che avrai convenienza a seguire mentre ti eserciti a ripetere in uno dei modi indicati sopra.
Non solo, un’organizzazione tanto rigorosa ti permetterà di evitare i fastidiosi vuoti che tendiamo a colmare con spiacevoli intercalare (dunque… ehm…allora ecc.), a scandire le parole in modo chiaro e non affrettato (come puoi capitarti di fare quando temi che le risposte ti sfuggano dalla mente) e a utilizzare un vocabolario ampio e appropriato al posto delle poche parole striminzite che ti vengono in mente quando rispondi a domande senza un’adeguata preparazione.

4) Bada a come mangi!
Una corretta alimentazione è importante per gli studenti che hanno bisogno di rendere al massimo senza appesantirsi con pasti inutilmente elaborati: ne abbiamo già parlato nella guida sull’alimentazione, ricordi?
I cibi ricchi di grassi non sono certo indicati per carburare di prima mattina, mentre una colazione con buone quantità di frutta ti fornisce energia e leggerezza; uno spuntino pomeridiano leggero fornisce forza ma non peso in eccesso, una cena tranquilla con una modesta quantità di alcolici è indicata per chi affronterà un esame il giorno dopo.

5) Tieni sotto controllo la tua ansia!
Non vuoi sostenere l’esame con le palpitazioni a mille oppure rigirarti nel letto la notte prima dell’esame temendo chissà quali domande improbabili, giusto?
Ci sono tanti piccoli accorgimenti che non ti costano nessuna fatica ma che ti permettono invece di ridurre lo stress pre-esame: ridurre le distrazioni, distribuire con attenzione le pause tra i tempi di studio, e inoltre…. tutto ciò che trovi nella lista dei rimedi anti-ansia.

E tu, quali tecniche di studio consiglieresti ai nostri lettori? Facci sapere nei commenti!

[Foto CC BY 2.0 Marc Wathieu]